Lingua, cultura e istituzioni dei paesi di lingua francese

Risultati I

Risultati II

Risultati III

Anno accademico 2017/2018

LINGUA, CULTURA E ISTITUZIONI DEI PAESI DI LINGUA FRANCESE (corsi triennali)

LANGUAGE, CULTURE AND INSTITUTIONS IN FRENCH SPEAKING COUNTRIES

2° semestre

Prof. Francesco Spandri

francesco.spandri@uniroma3.it

 

Obiettivi

Rivolto a studenti non principianti, il corso (8 cfu) si propone lo sviluppo delle capacità di lettura e comprensione di testi e problematiche concernenti la realtà sociale, politica ed economica della Francia moderna e contemporanea.

 

This 8 cfu module is not offered to beginners. It aims to enable students’s reading skills, with specific focus on texts dealing with the social, the political, and the economic scenarios of modern and contemporary France.

 

Programmi

Programma valido per tutti gli studenti.

 

Titolo: “Letteratura, economia e società dopo la rivoluzione del 1848”.

 

Il corso si concentrerà sulle grandi trasformazioni della Francia della seconda metà dell’Ottocento e proporrà l’analisi di due romanzi di Zola: “L’Assommoir” (1877) e “Nana” (1880).

 

The course is offered to all students.

 

It will focus on: “Literature, economy and society in France after the Revolution of 1848”.

 

The course will tackle these topics through the analysis of two Zola novels: “L’Assommoir” (1877) and “Nana” (1880).

 

Testi adottati

1) Zola, “L’Assommoir”, introduction, notes et commentaires de Jacques Dubois, Paris, Le Livre de Poche, 1996 (o una qualsiasi altra edizione economica in lingua francese)

 

2) Zola, “Nana”, édition établie par Henri Mitterand, Paris, Gallimard, coll. Folio classique, nouvelle éd., 2002 (o una qualsiasi altra edizione economica in lingua francese)

 

3) “Il romanzo francese dell’Ottocento”, a cura di Anna Maria Scaiola, Bari, Laterza, 2008 (capitolo V)

 

4) “Les Constitutions de la France depuis 1789”, présentation par Jacques Godechot, édition corrigée et mise à jour par Hervé Faupin, Paris, Flammarion, coll. GF, 2006 (dispense: capitoli IX, X, XI, reperibili presso copisteria Appunti, via Chiabrera 174)

 

Grammatiche consigliate (non oggetto d’esame):

1) Maïa Grégoire et Odile Thiévenaz, Grammaire progressive du français (niveau intermédiaire), nouvelle édition, Paris, Clé International, 2003

Oppure

2) Dominique Berger et Nerina Spicacci, Savoir-dire, savoir-faire (niveaux A1/A2/B1), Bologna, Zanichelli 2007 (facoltativo)

 

Il materiale didattico è reperibile presso la seguente libreria:

Feltrinelli International, via V. E. Orlando, 84/86 00185 Roma.

 

 

 

 

Anno accademico 2016/2017

“Lingua, cultura e istituzioni dei paesi di lingua francese”

(Corsi di laurea triennali)

2° semestre

Prof. Francesco Spandri

francesco.spandri@uniroma3.it

Obiettivi

RIVOLTO A STUDENTI NON PRINCIPIANTI, IL CORSO DI “LINGUA, CULTURA E ISTITUZIONI DEI PAESI DI LINGUA FRANCESE” (8 CFU) SI PROPONE LO SVILUPPO DELLE CAPACITÀ DI LETTURA E COMPRENSIONE DI TESTI E PROBLEMATICHE CONCERNENTI LA REALTÀ SOCIALE, POLITICA ED ECONOMICA DELLA FRANCIA MODERNA E CONTEMPORANEA.

Programma

VALIDO PER TUTTI GLI STUDENTI: ordinamenti previgenti (9 CFU), nuovo ordinamento (7/8 CFU), frequentanti, non frequentanti.

Titolo: “Letteratura, economia e società tra Restaurazione e Monarchia di Luglio”.

Il corso si concentrerà sulle grandi trasformazioni della Francia post-rivoluzionaria e proporrà la lettura di due romanzi di Balzac: “Gobseck” (1830) e “Eugénie Grandet” (1833).

Il corso dedicherà uno spazio alla grammatica francese di base (gruppo del verbo, gruppo del nome).

Testi adottati

1) Balzac, “Gobseck”, introduction, notes, anthologie critique, bibliographie par Philippe Berthier, Paris, Flammarion, GF, 1984 (o una qualsiasi altra edizione economica in lingua francese)

2) Balzac, “Eugénie Grandet”, chronologie, présentation, notes, dossier, bibliographie par Éléonore Roy-Reverzy, Paris, Flammarion, GF, 2008 (o una qualsiasi altra edizione economica in lingua francese)

3) “Il romanzo francese dell’Ottocento”, a cura di Anna Maria Scaiola, Bari, Laterza, 2008 (capitolo III)

4) “Les Constitutions de la France depuis 1789”, présentation par Jacques Godechot, édition corrigée et mise à jour par Hervé Faupin, Paris, Flammarion, coll. GF, 2006 (dispense: capitoli I e II, reperibili presso copisteria Appunti, via Chiabrera 174)

Grammatiche consigliate (non oggetto d’esame):

1) Maïa Grégoire et Odile Thiévenaz, “Grammaire progressive du français” (niveau intermédiaire), nouvelle édition, Paris, Clé International, 2003

Oppure

2) Dominique Berger et Nerina Spicacci, “Savoir-dire, savoir-faire” (niveaux A1/A2/B1), Bologna, Zanichelli 2007

Il MATERIALE DIDATTICO è REPERIBILE presso la seguente libreria:

Feltrinelli International, via V. E. Orlando, 84/86 00185 Roma.

Modalità di erogazione

Lezioni frontali IN LINGUA FRANCESE.

Frequenza

Facoltativa

Valutazione

Per sostenere l’esame esistono DUE OPZIONI.

1) sostenere la prova SCRITTA che si svolgerà a fine corso (maggio). Tale prova, UNICA NELL’ANNO, comporterà una parte IN ITALIANO e una parte IN FRANCESE.

2) sostenere l’ORALE INTERAMENTE IN FRANCESE.

-Per verbalizzare l’esame OCCORRE SEMPRE PRENOTARSI sul Portale dello Studente.

Altre informazioni

-Gli studenti in possesso di CERTIFICATI attestanti la conoscenza della lingua francese sono invitati ad informarsi presso il CLA circa la possibilità di essere esonerati dal test di idoneità.

-Per sostenere la PROVA FINALE in “Lingua, cultura e istituzioni dei paesi di lingua francese” gli studenti sono invitati a prendere contatto con il docente almeno SEI MESI PRIMA della sessione in cui intendono laurearsi.

Prerequisiti

-Per VERBALIZZARE l’esame è necessario aver superato il TEST VALUTATIVO PRESSO IL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO (Via Ostiense 131/L, 7° piano, sito del centro: http://www.cla.uniroma3.it/). Gli studenti sono pertanto tenuti ad informarsi circa il CALENDARIO DI SOMMINISTRAZIONE del test.

-Livello minimo accettato: A1. Gli studenti sono comunque invitati a raggiungere il livello A2.

-Il giorno della verbalizzazione occorre presentare al docente la documentazione dell’avvenuto superamento.