Storia dell’ambiente e del territorio

Corso per Laurea Magistrale

A.A 2014-2015. In questo anno accademico il corso non si svolgerà; sarà comunque possibile sostenere l’esame in tutte le sessioni scegliendo uno dei due seguenti programmi degli ultimi anni.

Dall’ecologia all’ecologismo. Storia del pensiero e del movimento ambientalista

Il corso tratterà la storia del pensiero ecologista e del movimento ambientalista nel ‘900, e la storia delle idee ecologiche che nei secoli precedenti hanno costruito una visione della natura integrante la presenza umana. Il pensiero ambientalista è nato nella seconda metà del ‘900, quando i problemi ambientali sono divenuti un’emergenza, e si è arricchito in poco tempo trasformandosi da «conservazionismo», ossia attenzione alla conservazione della natura e delle bellezze paesaggistiche, in «ambientalismo» vero e proprio, ossia una nuova cultura interdisciplinare sorretta da un sapere politico. Sarà analizzato lo strutturarsi sul piano internazionale di questa cultura con le sue opere specifiche, legando tale percorso teorico al contesto concreto della formazione e affermazione del movimento ambientalista: nascita delle prime associazioni di difesa della natura, riflessioni in seguito ai casi d’inquinamento, difficoltà d’interlocuzione con le forze politiche tradizionali, primi risultati conseguiti, crescita del consenso, fino all’entrata degli ambientalisti nelle istituzioni. Il costituirsi delle idee ecologiche e la nascita dell’ecologia come disciplina scientifica nei secoli precedenti saranno affrontate per comprendere l’ambito precorritore del quadro novecentesco.

Testi d’esame:

– G. Della Valentina, Storia dell’ambientalismo in Italia. Lo sviluppo insostenibile, Bruno Mondadori, Milano 2011.

– L. Piccioni, Il volto amato della Patria. Il primo movimento per la protezione della natura in Italia 1880-1934, Università degli studi di Camerino, Camerino 1999.

– D. Worster, Storia delle idee ecologiche, Il Mulino, Bologna 1994.

– Un testo a scelta tra i seguenti libri che fanno parte della produzione bibliografica del pensiero ambientalista:

– R. Carson, Primavera silenziosa, Feltrinelli, Milano 1999 (riedizione del volume del 1963).

– B. Commoner Il cerchio da chiudere. La natura, l’uomo e la tecnologia, Garzanti, Milano 1972 (non più in commercio).

– L. Conti, Questo pianeta, Editori Riuniti, Roma 1983 (non più in commercio).

– L. Conti, Che cos’è l’ecologia. Capitale, lavoro, ambiente, Mazzotta, Milano 1977 (non più in commercio).

– C. Merchant, La morte della natura. Le donne, l’ecologia e la rivoluzione scientifica, Garzanti, Milano 1988 (non più in commercio).

– E. Tiezzi, Tempi storici tempi biologici, Donzelli, Roma 2005 (riedizione del volume del 1984).

——————————————-

Storia dell’automobile. Dalla nascita all’ingorgo quotidiano

Il corso tratterà la centralità che la risorsa acqua ha avuto nelle società, dall’antichità al Novecento. Elemento imprescindibile per ogni forma di vita, l’uomo ne ha organizzato il suo utilizzo risolvendo durante i secoli problemi via via più complessi: per le attività agricole, come veicolo di smaltimento dei rifiuti negli insediamenti urbani, come fonte di energia cinetica e poi dall’Ottocento di energia elettrica, per l’approvvigionamento delle città divenute sempre più grandi, e per garantirne la sua purezza. Si approfondirà come le modalità scelte per affrontare tali questioni abbiano contribuito allo sviluppo delle nazioni, ma al tempo stesso modificato la natura con interventi irreversibili, quali bonifiche, costruzione d’infrastrutture per il trasporto idrico, sfruttamento smodato della risorsa fino all’esaurimento, alterazioni nella portata e nel percorso dei fiumi, e inquinamento. Si approfondirà anche come l’acqua sia stato un bene segnato da una disponibilità/scarsezza che ha generato conflitti tra gli Stati, e altresì si esaminerà come intorno ad essa siano cambiati gli stili di vita, grazie agli avanzamenti nella medicina che a fine dell’Ottocento le attribuirono grande importanza per l’igiene e la prevenzione di malattie, e ad un’altra visione del mare e dei laghi come luoghi di svago che iniziò ad affermarsi all’inizio del Novecento.

Testi d’esame:

– F. Paolini, Un paese a quattro ruote. Automobili e società in Italia, Marsilio, Venezia 2005

– G. Pagnotta, Storia del trasporto pubblico a Roma (1900-1945), Donzelli, in libreria a maggio

– V. Castronovo, Fiat. Un secolo di storia italiana 1899-1999, Rizzoli, Milano 1999 (una delle seguenti due parti: – periodo del fascismo, capitoli 6, 7, 8, 9, 10 e 11; – anni Cinquanta e Sessanta, capitoli 20, 21, 22, 23, 24 e 25.

– Un testo a scelta tra:

– F. Amatori, Impresa e mercato. Lancia 1906-1969, Il Mulino, Bologna 1996

– E. Menduni, L’autostrada del Sole, Il Mulino, Bologna 1999

– F. Paolini, Storia sociale dell’automobile in Italia, Carocci, Roma 2007.

_________________________________

PROGRAMMI DEGLI ANNI PASSATI

La storia dell’acqua, risorsa e bene ecologico

Il corso tratterà la centralità che la risorsa acqua ha avuto nelle società, dall’antichità al Novecento. Elemento imprescindibile per ogni forma di vita, l’uomo ne ha organizzato il suo utilizzo risolvendo durante i secoli problemi via via più complessi: per le attività agricole, come veicolo di smaltimento dei rifiuti negli insediamenti urbani, come fonte di energia cinetica e poi dall’Ottocento di energia elettrica, per l’approvvigionamento delle città divenute sempre più grandi, e per garantirne la sua purezza. Si approfondirà come le modalità scelte per affrontare tali questioni abbiano contribuito allo sviluppo delle nazioni, ma al tempo stesso modificato la natura con interventi irreversibili, quali bonifiche, costruzione d’infrastrutture per il trasporto idrico, sfruttamento smodato della risorsa fino all’esaurimento, alterazioni nella portata e nel percorso dei fiumi, e inquinamento. Si approfondirà anche come l’acqua sia stato un bene segnato da una disponibilità/scarsezza che ha generato conflitti tra gli Stati, e altresì si esaminerà come intorno ad essa siano cambiati gli stili di vita, grazie agli avanzamenti nella medicina che a fine dell’Ottocento le attribuirono grande importanza per l’igiene e la prevenzione di malattie, e ad un’altra visione del mare e dei laghi come luoghi di svago che iniziò ad affermarsi all’inizio del Novecento.

Testi d’esame:

  1. Sorcinelli, Storia sociale dell’acqua. Riti e culture, B. Mondadori, Milano 1998.
  2. Teti (a cura di), Storia dell’acqua. Mondi materiali e universi simbolici, Donzelli, Roma 2003, pp. 237-282; pp. 293-372; pp. 429-462;
  3. Triani, Pelle di luna, pelle di sole. Nascita e storia della civiltà balneare 1700-1946, Marsilio, Venezia 1988 (testo non più in commercio).

Un testo a scelta tra:

Acqua, n. 27 della rivista «Parolechiave», Carocci, Roma 2002.

  1. Raimondo, La risorsa che non c’e più. Il Lago del Fucino dal XVI al XIX sec., Lacaita, Manduria 2000;
  2. Shiva, Le guerre dell’acqua, Feltrinelli, Milano 2008;
  3. Worster, Rivers of empire. Water, aridity, and the growth of the american west, Oxford University press, Oxford 1992 (il volume è presente presso la biblioteca del Centro Studi americani).

 

La storia dell’energia, tra questione ambientale e problemi economici

Il corso tratterà la scoperta e l’impiego delle diverse energie, con uno sguardo alle epoche antica, medievale e moderna, ma concentrandosi soprattutto sull’epoca contemporanea. Vapore, elettricità, gas, petrolio, nucleare e fonti rinnovabili, saranno considerati analizzando i contesti culturali, scientifici e tecnologici che si sono succeduti dall’Ottocento. Centro dell’analisi sarà come queste diverse fonti hanno risposto alla domanda di maggiore efficienza, rappresentando significativi avanzamenti nell’economia, accrescimenti della capacità di creare nuove tecnologie, ma anche grandi salti nella possibilità di modificare l’ambiente e consumare porzioni sempre più ampie di natura. Fino alla drammatica urgenza di un cambiamento alla fine del XX secolo.

Testi d’esame:

1) Un testo a scelta tra:

  1. Smil, Storia dell’energia, Il Mulino, Bologna 2000;
  2. Conti, Ambiente terra. L’energia, la vita, la storia, A. Mondadori, Milano 1988 (non più in commercio ma presente presso la Biblioteca di facoltà);

J-C. Debeir, J-P. Deleage, D. Hemery, Storia dell’energia. Dal fuoco al nucleare, Edizioni Sole24ore, Milano 1989 (non più in commercio ma presente presso la Biblioteca di facoltà).

2) Una soluzione a scelta tra:

  • Approfondimento sulle energie fino alla Rivoluzione industriale: A. Caracciolo, R. Morelli, La cattura dell’energia. L’economia europea dalla protostoria al mondo moderno, Nuova Italia Scientifica, Roma 1996 (non più in commercio ma presente presso la Biblioteca di facoltà); J. Mokyr, La leva della ricchezza. Creatività tecnologica e progresso economico, Il Mulino, Bologna 1995, pp. 113-203. (Entrambi i testi)
  • Approfondimento sul carbone: L. Fasanaro, Energia contesa, energia condivisa. La Francia, il problema tedesco e la questione carbonifera nei due dopoguerra, Edizioni Polistampa, Firenze 2008.
  • Approfondimento sul petrolio: L. Maugeri, L’era del petrolio. Mitologia, storia e futuro della più controversa risorsa del mondo, Feltrinelli, Milano 2007.
  • Approfondimento sul nucleare: B. Curli, Il progetto nucleare italiano (1952-1964). Conversazioni con Felice Ippolito, Rubbettino, Soveria Mannelli 2000, pp. 9-113; L. Nuti, La sfida nucleare. La politica estera italiana e le armi atomiche 1945-1991, Il Mulino, Bologna 2007, pp. 15-169. (Entrambi i testi)
  • Approfondimento sugli ultimi venti anni (soltanto per i frequentanti): L. Maugeri, Con tutta l’energia possibile, Sperling & Kupfer, Milano 2008.

 

L’ambiente nella storia dell’Italia

Il corso tratterà la storia del rapporto tra l’uomo e l’ambiente, con particolare attenzione all’Ottocento e al Novecento, secoli decisivi per l’impatto delle attività umane sulla natura. I vari argomenti che compongono la “questione ambientale” (antropizzazione della natura, industrializzazione, uso delle risorse naturali, inquinamento, impiego delle energie, sviluppo dell’ambiente urbano, culture ecologiche) saranno analizzati storicamente partendo dalla loro globalità, ma con particolare riguardo alla storia d’Italia, e alla dimensione regionale del Lazio.

Testi d’esame:

1) J. McNeill, Qualcosa di nuovo sotto il sole. Storia dell’ambiente nel XX secolo, Einaudi, Torino 2004;

2) G. Pagnotta, La Storia dell’ambiente e il Lazio contemporaneo, in M. De Nicolò (a cura di), Il Lazio contemporaneo. Politica, economia e società nel dibattito storiografico e nella ricerca storica, Franco Angeli, Milano 2008, pp. 213-223 (sarà distribuito dalla docente);

3) Un testo a scelta tra:

– P. Acot, Storia del clima. Il freddo e la storia passata. Il caldo e la storia futura, Donzelli, Roma 2004;

– R. Delort, F. Walter, Storia dell’ambiente europeo, Dedalo, Bari 2002;

– F. Pratesi, Storia della natura d’Italia, Editori Riuniti, Roma 2001;

– E. Sori, La città e i rifiuti. Ecologia urbana dal Medioevo al primo Novecento, Il Mulino, Bologna 2001.